• info@giuliaferrari.com

L’importanza della consapevolezza dei propri mezzi.

Partiamo subito dal punto più importante: puntate all-in su voi stessi.
Non è consigliato, né tanto meno utile, presentarsi per ciò che non si è ad un colloquio di lavoro, vendendo fumo ed esaltando qualità inesistenti. Sicuramente è necessario essere preparati, conoscere l’azienda, i suoi valori, obiettivi, e la filosofia che la caratterizza, ma come riuscire a fare un’ottima impressione? Quali aspetti mettere in evidenza?
A questo punto entra in gioco il Personal Branding, ossia l’insieme delle qualità che vi rendono unici, riconoscibili e vi aiutano a comunicare quanto valete. Tutto quello per cui dovrebbero scegliervi.

Personal Branding: il successo a portata di mano

Lavorare su voi stessi, mettendo in luce il meglio delle vostre abilità e conoscenze, aiuta a rendervi più consapevoli e sicuri delle vostre azioni.
Creando un’identità chiara e coerente con il vostro essere sarete in grado di trasmettere questa individualità ai vostri interlocutori, presentandovi per chi siete realmente.
Un altro aspetto necessario da considerare per fare buona impressione durante un colloquio di lavoro è senz’altro la vostra immagine. I vestiti che indossate, infatti, non solo trasmettono un messaggio a chi vi sta intorno ma influenzano anche la percezione che avete di voi stessi. L’obiettivo è quello di far coincidere chi siete, quello che volete esprimere e l’immagine che proponete.
Dovete sapere cosa vi dona e scegliere tagli, modelli, colori e linee corrette per il vostro fisico considerando sempre il contesto in cui vi trovate.
Non avete idea di come fare o volete qualche consiglio? Chiedete pure, sono qui per voi.

photo credit: thezoereport.com – Photo: “The Devil Wears Prada”/20th Century Fox

  Tags:   , , , ,
Share

Posts by 

No Comments Leave a comment  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Enter your keyword: