• info@giuliaferrari.com

Come l’immagine influenza le relazioni con gli altri

Sebbene l’apparenza non determini il tipo di persona che siamo, si viene inevitabilmente giudicati per le scelte di stile e diventa fondamentale curare il nostro aspetto per comunicare il messaggio coerente con ciò che desideriamo esprimere.
In particolare sul lavoro, l’immagine che date di voi definisce la vostra professionalità e l’impegno con cui affrontate le responsabilità.
Ecco alcuni accorgimenti utili per non sbagliare approccio:

  • Non indossare vestiti sporchi o sgualciti.
    Sembra una banalità, ma è bene darsi un’ultima occhiata prima di uscire per essere sicuri di non avere macchie sulla giacca, un bottone scucito, o la camicia stropicciata.
    Non mostriamo un’immagine che non ci rappresenta.
  • Non mostrare troppa pelle.
    Soprattutto in ufficio, non è professionale apparire troppo scollate. Meglio scegliere abiti o gonne midi (o sotto al ginocchio) con camicie e blazer coordinati.
  • Scegliete vestiti della vostra taglia.
    Non troppo stretti né troppo larghi, della giusta lunghezza e misura che seguano il corpo in modo sartoriale.
  • Evitare trucco e accessori eccessivi.
    Meglio optare per un make-up dai colori neutri, non troppo pesante, rossetto nude e mascara è la combinazione giusta per l’ufficio. Gioielli fini e discreti per completare il look.
  • Mantenere un profilo professionale.
    Ossia evitare abbigliamenti non consoni alla posizione lavorativa. In generale non presentarsi MAI con bermuda o pantaloncini, flip-flops o canottiera.
  • Essere a vostro agio.
    Il look ideale dona sicurezza, e si nota. Scegliete sempre abiti che vi piacciano, esaltino la vostra immagine e donino all’incarnato. La giusta immagine permette di sentirsi a proprio agio in ogni situazione e aiuta ad esprimersi con maggiore fiducia.

La combinazione tra il giusto aspetto e le vostre abilità comunicative rappresenta una raccomandazione silenziosa per presentarvi come desiderate.

  Tags:   , , ,
Share

Posts by 

No Comments Leave a comment  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Enter your keyword: